Trusted WordPress tutorials, when you need them most.
Beginner’s Guide to WordPress
Coppa WPB
25 Million+
Websites using our plugins
16+
Years of WordPress experience
3000+
WordPress tutorials
by experts

La guida definitiva a WordPress e alla conformità al GDPR

Nota editoriale: guadagniamo una commissione dai link dei partner su WPBeginner. Le commissioni non influenzano le opinioni o le valutazioni dei nostri redattori. Per saperne di più su Processo editoriale.

Il GDPR, acronimo di General Data Protection Regulation (Regolamento generale sulla protezione dei dati), è una legge dell’Unione Europea che protegge la privacy degli utenti nell’utilizzo dei siti web. Abbiamo ricevuto decine di email da utenti che ci chiedevano di spiegare il GDPR in un inglese semplice e di condividere suggerimenti su come rendere il vostro sito WordPress conforme al GDPR.

In questo articolo vi spiegheremo tutto quello che c’è da sapere sul GDPR e WordPress (senza le complesse questioni legali).

The Ultimate Guide to WordPress and GDPR Compliance

Dichiarazione di non responsabilità

Non siamo avvocati e nulla di quanto contenuto in questo sito web deve essere considerato una consulenza legale.

Per aiutarvi a navigare facilmente nella nostra guida definitiva a WordPress e alla conformità al GDPR, abbiamo creato un indice di seguito:

Che cos’è il GDPR?

Il Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) è una legge dell’Unione Europea (UE) entrata in vigore il 25 maggio 2018. L’obiettivo del GDPR è dare ai cittadini dell’UE il controllo sui loro dati personali e cambiare l’approccio alla privacy delle organizzazioni di tutto il mondo.

What is GDPR?

Nel corso degli anni, è probabile che abbiate ricevuto decine di e-mail da aziende come Google in merito al GDPR, alle loro nuove politiche sulla privacy e a tutta una serie di altre questioni legali. Questo perché l’UE ha previsto forti sanzioni per chi non rispetta le norme.

Le aziende che non sono conformi ai requisiti del GDPR possono incorrere in multe salate che possono arrivare fino al 4% del fatturato globale annuo di un’azienda o a 20 milioni di euro (il maggiore dei due). Questo è un motivo sufficiente per scatenare il panico tra le aziende di tutto il mondo.

Che cos’è il CCPA?

Lo stato della California ha introdotto una legislazione simile in materia di privacy il 1° gennaio 2020, anche se le potenziali multe sono molto più basse.

Il California Consumer Privacy Act (CCPA) è stato progettato per proteggere le informazioni personali dei residenti in California. Esso dà loro il diritto di sapere quali informazioni personali vengono raccolte su di loro, di richiederne la cancellazione e di rinunciare alla vendita dei loro dati.

In questo articolo ci concentreremo sul GDPR, ma molti dei passi che elenchiamo in questo articolo vi aiuteranno anche a diventare conformi al CCPA.

Questo ci porta alla grande domanda a cui potreste pensare:

Il GDPR si applica al mio sito web WordPress?

La risposta è SÌ. Si applica a tutte le aziende, grandi e piccole, in tutto il mondo (non solo nell’Unione Europea).

Se il vostro sito web WordPress ha visitatori provenienti da paesi dell’Unione Europea, questa legge si applica a voi.

Ma niente panico. Non è la fine del mondo.

Sebbene il GDPR possa portare a questi livelli elevati di ammende, si inizierà con un avvertimento, poi un rimprovero e infine una sospensione del trattamento dei dati.

E solo se si continua a violare la legge, le multe saranno salate.

GDPR Fines and Penalties

L’Unione Europea non è un governo malvagio che vuole prendervi. Il suo obiettivo è quello di proteggere i consumatori innocenti da una gestione sconsiderata dei dati che potrebbe portare a una violazione della loro privacy.

A nostro avviso, la multa massima è in gran parte destinata ad attirare l’attenzione di grandi aziende come Facebook e Google, in modo che questo regolamento non venga ignorato. Inoltre, questo incoraggia le aziende a porre maggiore enfasi sulla protezione dei diritti delle persone.

Una volta compreso ciò che è richiesto dal GDPR e lo spirito della legge, ci si renderà conto che tutto ciò non è troppo assurdo.

Condivideremo anche strumenti e suggerimenti per rendere il vostro sito WordPress conforme al GDPR.

Cosa è richiesto ai proprietari di siti web ai sensi del GDPR?

L’obiettivo del GDPR è quello di proteggere le informazioni di identificazione personale (PII) degli utenti e di imporre alle aziende standard più elevati per quanto riguarda le modalità di raccolta, archiviazione e utilizzo di questi dati.

Questi dati personali comprendono nomi, indirizzi e-mail, indirizzi fisici, indirizzi IP, informazioni sulla salute, reddito e altro ancora.

GDPR Personal Data

Sebbene il regolamento GDPR sia lungo 200 pagine, ecco i pilastri più importanti da conoscere:

È necessario ottenere un consenso esplicito per la raccolta di informazioni personali

Se state raccogliendo dati personali da un residente dell’UE, dovete ottenere un consenso o un’autorizzazione espliciti, specifici e inequivocabili.

In altre parole, non potete inviare email non richieste a chi vi ha dato il suo biglietto da visita o ha compilato il modulo di contatto del vostro sito web. Questo è spam. Dovete invece consentire loro di scegliere di partecipare alla vostra newsletter di marketing.

Per essere considerato un consenso esplicito, è necessario richiedere un opt-in positivo. La casella di controllo non deve essere selezionata per impostazione predefinita, deve contenere una formulazione chiara (senza legalese) e deve essere separata da altri termini e condizioni.

I vostri utenti hanno diritto ai loro dati personali

Dovete informare le persone su dove, perché e come i loro dati vengono elaborati e conservati.

Un individuo ha il diritto di scaricare i propri dati personali e il diritto all’oblio.

Ciò significa che hanno il diritto di chiedere la cancellazione dei loro dati personali. Quando un utente clicca su un link di cancellazione o vi chiede di cancellare il suo profilo, dovete effettivamente farlo.

Dovete fornire tempestivamente notifiche di violazione dei dati

Le organizzazioni devono segnalare alcuni tipi di violazione dei dati alle autorità competenti entro 72 ore, a meno che la violazione non sia considerata innocua e non rappresenti un rischio per i dati individuali.

Tuttavia, se una violazione è ad alto rischio, l’azienda deve informare subito le persone interessate.

In questo modo si spera di evitare insabbiamenti come quelli di Yahoo, che non sono stati rivelati fino all’acquisizione.

Potrebbe essere necessario nominare un responsabile della protezione dei dati

Se siete un’azienda pubblica o trattate grandi quantità di informazioni personali, dovete nominare un responsabile della protezione dei dati.

Questo non è richiesto per le piccole imprese. In caso di dubbi, consultate un avvocato.

GDPR Data Protection Officer

Sintesi in parole povere di ciò che è richiesto

In parole povere, il GDPR garantisce che le aziende non possano fare spam inviando loro email che non hanno richiesto. Inoltre, le aziende non possono vendere i dati delle persone senza il loro esplicito consenso.

Le aziende devono cancellare gli account degli utenti e cancellarli dalle liste di posta elettronica quando richiesto. Le aziende devono inoltre segnalare le violazioni dei dati e, in generale, migliorare la protezione dei dati.

Sembra piuttosto buono, almeno in teoria.

Ma probabilmente vi starete chiedendo cosa dovete fare per assicurarvi che il vostro sito WordPress sia conforme al GDPR.

Dipende dal vostro sito web specifico (per saperne di più, più avanti).

Iniziamo rispondendo alla domanda più importante che ci è stata posta dagli utenti:

WordPress è conforme al GDPR?

Sì, il software principale di WordPress è conforme al GDPR da WordPress 4.9.6, rilasciato il 17 maggio 2018. A tal fine sono stati aggiunti diversi miglioramenti GDPR.

È importante notare che quando si parla di WordPress, si parla di WordPress.org self-hosted. Si tratta di una differenza rispetto a WordPress.com, che potete approfondire nella nostra guida su WordPress.com vs. WordPress.org.

Detto questo, a causa della natura dinamica dei siti web, nessuna piattaforma, plugin o soluzione può offrire il 100% di conformità al GDPR. Il processo di conformità al GDPR varia in base al tipo di sito web, ai dati memorizzati e alle modalità di elaborazione dei dati sul sito.

Ok, forse starete pensando: cosa significa in parole povere?

Per impostazione predefinita, WordPress è dotato dei seguenti strumenti di miglioramento del GDPR:

Commenti Casella di controllo del consenso

Prima di maggio 2018, WordPress memorizzava per impostazione predefinita il nome, l’e-mail e il sito web del commentatore come cookie nel browser dell’utente. Questo rendeva più facile per gli utenti lasciare commenti sui loro blog preferiti perché questi campi erano precompilati.

A causa del requisito del consenso previsto dal GDPR, WordPress ha aggiunto una casella di controllo del consenso al modulo dei commenti.

WordPress Comments Opt-in for GDPR

L’utente può lasciare un commento senza selezionare questa casella. Tuttavia, dovrà inserire manualmente il proprio nome, email e sito web ogni volta che lo farà.

Suggerimento: per verificare se la casella di controllo è presente, assicurarsi di aver effettuato il logout.

Se la casella di controllo non viene ancora visualizzata, è probabile che il vostro tema stia sovrascrivendo il modulo di commento predefinito di WordPress. Ecco una guida passo passo su come aggiungere una casella di controllo della privacy dei commenti GDPR nel vostro tema WordPress.

Funzioni di esportazione e cancellazione dei dati personali

WordPress offre ai proprietari dei siti gli strumenti necessari per conformarsi ai requisiti del GDPR in materia di trattamento dei dati e per soddisfare le richieste degli utenti di esportazione dei dati personali e di rimozione dei dati personali degli utenti.

WordPress Data Handling - GDPR

Le funzioni di gestione dei dati si trovano nel menu Strumenti dell’amministrazione di WordPress. Da qui si può accedere a Esportazione di dati personali o Cancellazione di dati personali.

Generatore di informativa sulla privacy

WordPress è dotato di un generatore di norme sulla privacy integrato. Il modello di informativa sulla privacy è già pronto e offre indicazioni su cosa aggiungere. Questo vi aiuta a essere più trasparenti con gli utenti in termini di quali dati memorizzate e come gestite i loro dati.

WordPress Privacy Policy Generator for GDPR

Per saperne di più, consultate la nostra guida su come creare un’informativa sulla privacy in WordPress.

Queste tre caratteristiche sono sufficienti per rendere un blog WordPress predefinito conforme al GDPR. Tuttavia, il vostro sito web avrà probabilmente altre aree che dovranno essere conformi.

Ulteriori aree del vostro sito web da controllare per verificare la conformità al GDPR

In qualità di proprietari di un sito web, potreste utilizzare vari plugin di WordPress che memorizzano o elaborano dati e che possono influire sulla vostra conformità al GDPR. Esempi comuni sono:

A seconda dei plugin WordPress che utilizzate sul vostro sito web, dovrete agire di conseguenza per assicurarvi che il vostro sito sia conforme al GDPR.

Molti dei migliori plugin per WordPress hanno aggiunto funzioni di miglioramento del GDPR. Diamo un’occhiata ad alcune delle aree comuni che dovrete affrontare.

Google Analytics

Come la maggior parte dei proprietari di siti web, è probabile che utilizziate Google Analytics per ottenere le statistiche del sito. Ciò significa che potreste raccogliere o tracciare dati personali come indirizzi IP, ID utente, cookie e altri dati per la profilazione del comportamento.

Per essere conformi al GDPR, è necessario effettuare una delle seguenti operazioni:

  1. Anonimizzare i dati prima di iniziare l’archiviazione e l’elaborazione.
  2. Aggiungere un overlay che avvisi dei cookie e chieda agli utenti il consenso prima del tracciamento.

Entrambe le cose sono piuttosto difficili da fare se si incolla manualmente il codice di Google Analytics sul proprio sito. Tuttavia, se utilizzate MonsterInsights, il più popolare plugin di Google Analytics per WordPress, siete fortunati.

Hanno rilasciato un addon per la conformità all’UE che aiuta ad automatizzare il processo di cui sopra.

MonsterInsights EU Compliance Addon

MonsterInsights ha anche un ottimo post sul blog che parla del GDPR e di Google Analytics. È una lettura obbligata se utilizzate Google Analytics sul vostro sito.

Moduli di contatto

Se si utilizza un modulo di contatto in WordPress, potrebbe essere necessario aggiungere ulteriori misure di trasparenza. Ciò è particolarmente vero se memorizzate le voci del modulo o utilizzate i dati per scopi di marketing.

Ecco alcuni elementi da considerare per rendere i vostri moduli WordPress conformi al GDPR:

  • Ottenere il consenso esplicito degli utenti per memorizzare le loro informazioni.
  • Ottenere il consenso esplicito degli utenti se si intende utilizzare i loro dati per scopi di marketing, ad esempio per aggiungerli alla propria lista di e-mail.
  • Disattivare i cookie, gli user-agent e il tracciamento IP per i moduli.
  • Rispettare le richieste di cancellazione dei dati.
  • Se utilizzate una soluzione di moduli SaaS, assicuratevi di avere un accordo di trattamento dei dati con i vostri fornitori di moduli.

La buona notizia è che non è necessario organizzare un accordo sul trattamento dei dati se si utilizza un plugin di WordPress come WPForms, Gravity Forms o Ninja Forms.

Questi plugin memorizzano i moduli inseriti nel database di WordPress, quindi per essere conformi al GDPR è sufficiente aggiungere un checkbox di consenso con una spiegazione chiara.

WPForms, il plugin per i moduli di contatto che utilizziamo su WPBeginner, ha apportato diversi miglioramenti al GDPR per semplificare l’aggiunta di un campo di consenso GDPR, la disabilitazione dei cookie utente, la disabilitazione della raccolta degli IP utente e la disabilitazione delle iscrizioni con un solo clic.

GDPR Form Fields in WPForms

Potete consultare la nostra guida passo passo su come creare moduli conformi al GDPR in WordPress.

Moduli Opt-in per l’email marketing

Come per i moduli di contatto, se avete moduli di opt-in per l’email marketing come popup, barre fluttuanti, moduli in linea e altri, dovete assicurarvi di ottenere il consenso esplicito degli utenti prima di aggiungerli alla vostra lista.

Questo può essere fatto da entrambi:

  1. Aggiungere un checkbox che l’utente deve cliccare prima di effettuare l’opt-in.
  2. È sufficiente richiedere una doppia iscrizione alla vostra mailing list.

Le migliori soluzioni di lead-generation come OptinMonster hanno aggiunto caselle di controllo per il consenso GDPR e altre funzioni necessarie per aiutarvi a rendere i vostri moduli opt-in conformi.

Potete leggere ulteriori informazioni sulle strategie GDPR per i marketer sul blog di OptinMonster.

Negozi eCommerce e WooCommerce

Se utilizzate WooCommerce, il più popolare plugin di eCommerce per WordPress, dovete assicurarvi che il vostro sito web sia conforme al GDPR.

Fortunatamente, il team di MonsterInsights ha preparato una guida approfondita su come rendere un negozio WooCommerce conforme al GDPR.

Annunci di retargeting

Se il vostro sito web utilizza pixel di retargeting o annunci di retargeting, dovrete ottenere il consenso dell’utente.

È possibile farlo utilizzando un plugin come Cookie Notice. Potete trovare istruzioni dettagliate nella nostra guida su come aggiungere un popup sui cookie in WordPress per il GDPR/CCPA.

Caratteri di Google

I font di Google sono un ottimo modo per personalizzare la tipografia del vostro sito WordPress.

Tuttavia, è stato riscontrato che Google Fonts viola le normative GDPR. Questo perché Google accede all’indirizzo IP del visitatore ogni volta che viene caricato un font.

Fortunatamente, ci sono alcuni modi per gestire questa situazione in modo che il vostro sito web sia conforme al GDPR. Ad esempio, è possibile caricare i font in locale, sostituire Google Fonts con un’altra opzione o disabilitarli.

Per sapere come fare, consultate la nostra guida su come rendere Google Fonts compatibile con la privacy.

I migliori plugin WordPress per la conformità al GDPR

Esistono diversi plugin per WordPress che possono aiutarvi ad automatizzare alcune parti della conformità al GDPR.

Tuttavia, nessun plugin può offrire una conformità al 100% a causa della natura dinamica dei siti web.

Diffidate di qualsiasi plugin per WordPress che affermi di offrire il 100% di conformità al GDPR. Probabilmente non sanno di cosa stanno parlando ed è meglio evitarli completamente.

Di seguito è riportato il nostro elenco di plugin consigliati per la conformità al GDPR:

  • Se utilizzate Google Analytics, vi consigliamo di utilizzare MonsterInsights e di attivare il suo addon per la conformità all’UE.
  • WPForms è il plugin per moduli di contatto WordPress più semplice da usare e offre campi GDPR e altre funzionalità.
  • Cookie Notice è un popolare plugin gratuito per aggiungere un avviso sui cookie dell’UE e si integra bene con i migliori plugin come MonsterInsights e altri.
  • GDPR Cookie Consent vi permette di creare una barra di avviso sul vostro sito in modo che l’utente possa decidere se accettare o rifiutare i cookie e copre sia il CCPA che il GDPR.
  • WP Frontend Delete Account è un plugin gratuito che consente agli utenti di eliminare automaticamente il proprio profilo sul vostro sito.
  • OptinMonster è un software avanzato per la generazione di lead che offre funzioni di targeting intelligenti per aumentare le conversioni ed è conforme al GDPR.
  • PushEngage consente di inviare messaggi push mirati ai visitatori dopo che hanno lasciato il sito ed è pienamente conforme al GDPR.
  • Smash Balloon vi offre un modo conforme al GDPR per incorporare feed live e mostrare post da Facebook, Twitter, Instagram, YouTube, TripAdvisor e altro ancora.
  • Invece di caricare i pulsanti di condivisione predefiniti con i cookie di tracciamento, il plugin Shared Counts carica pulsanti di condivisione statici e visualizza il conteggio delle condivisioni.

Troverete altre opzioni nella nostra selezione dei migliori plugin WordPress GDPR per migliorare la conformità.

Continueremo a monitorare l’ecosistema dei plugin per vedere se qualche altro plugin per WordPress si distingue e offre caratteristiche sostanziali di conformità al GDPR.

Pensieri finali

Il GDPR è in vigore da maggio 2018.

Forse avete il vostro sito web WordPress da un po’ di tempo e state lavorando per la conformità al GDPR. Oppure avete appena iniziato a creare un nuovo sito web.

In ogni caso, non c’è bisogno di farsi prendere dal panico. Continuate a lavorare per la conformità e fatelo il prima possibile.

Potreste essere preoccupati per le multe elevate. Ricordate che il rischio di essere multati è minimo. Sul sito web dell’Unione Europea si legge che prima si riceve un avvertimento, poi un richiamo e le multe sono l’ultimo passo se non si rispetta e si ignora consapevolmente la legge.

Ricordate che l’UE non vi sta cercando. Lo sta facendo per proteggere i dati degli utenti e ripristinare la fiducia dei cittadini nelle aziende online.

Poiché il mondo diventa digitale, abbiamo bisogno di questi standard. Con le recenti violazioni dei dati di grandi aziende, è importante che questi standard vengano adattati a livello globale.

Sarà un bene per tutte le parti coinvolte. Queste nuove regole contribuiranno a rafforzare la fiducia dei consumatori e, di conseguenza, a far crescere la vostra attività.

Speriamo che questo tutorial vi abbia aiutato a capire come diventare conformi al GDPR sul vostro blog WordPress. Vi consigliamo di consultare anche le nostre guide di esperti su come rendere il vostro sito web conforme al GDPR.

Guide di esperti per rendere il vostro sito WordPress conforme al GDPR

Se questo articolo vi è piaciuto, iscrivetevi al nostro canale YouTube per le esercitazioni video su WordPress. Potete trovarci anche su Twitter e Facebook.

Esclusione di responsabilità legale

Non siamo avvocati e nulla di quanto contenuto in questo sito web deve essere considerato una consulenza legale. A causa della natura dinamica dei siti web, nessun singolo plugin o piattaforma può offrire una conformità legale al 100%.

In caso di dubbio, è meglio consultare un avvocato specializzato in diritto di Internet per determinare se siete conformi a tutte le leggi applicabili alle vostre giurisdizioni e ai vostri casi d’uso.

Risorse aggiuntive

Se questo articolo vi è piaciuto, iscrivetevi al nostro canale YouTube per le esercitazioni video su WordPress. Potete trovarci anche su Twitter e Facebook.

Divulgazione: I nostri contenuti sono sostenuti dai lettori. Ciò significa che se cliccate su alcuni dei nostri link, potremmo guadagnare una commissione. Vedi come WPBeginner è finanziato , perché è importante e come puoi sostenerci. Ecco il nostro processo editoriale .

Avatar

Editorial Staff at WPBeginner is a team of WordPress experts led by Syed Balkhi with over 16 years of experience in WordPress, Web Hosting, eCommerce, SEO, and Marketing. Started in 2009, WPBeginner is now the largest free WordPress resource site in the industry and is often referred to as the Wikipedia for WordPress.

Il kit di strumenti WordPress definitivo

Ottenete l'accesso gratuito al nostro kit di strumenti - una raccolta di prodotti e risorse relative a WordPress che ogni professionista dovrebbe avere!

Reader Interactions

197 commentiLascia una risposta

  1. Syed Balkhi says

    Hey WPBeginner readers,
    Did you know you can win exciting prizes by commenting on WPBeginner?
    Every month, our top blog commenters will win HUGE rewards, including premium WordPress plugin licenses and cash prizes.
    You can get more details about the contest from here.
    Start sharing your thoughts below to stand a chance to win!

  2. Mrteesurez says

    Also, I can see maybe that’s why WordPress itself comes with a basic privacy policy generator with some suggested text.

    I just discovered it not so long.
    But is that basic content sufficient ?? because sometimes I used the basic WP generated policy contents for new blogs.

    • WPBeginner Support says

      You would want to edit the content in the privacy policy to suit your needs and if you are concerned then you would want to check with a legal professional.

      Admin

      • Mrteesurez says

        OK, maybe when the blog grows and gaining more traction, then, I can seek out to legal professional for a standard and official policy.

        Thanks.

  3. Mrteesurez says

    Honestly, most of the bloggers and online marketer who just want to make money online don’t usually take this serious.

    I could remember how much fine I heard in the press that Google have paid and some other businesses that use tracking software.

    My question is, Is this only applicable for if I have visitors from EU ??

    Also, you talk of ‘checkbox’.
    In WPbeginner, checkbox is not showing, I manually need to re-enter names and email every time I want to comment. Can you fix this ?? or is there any reason no to do this ??

    • WPBeginner Support says

      It is applicable to more than the EU, we give an example with California in the article above.

      We do not have the consent checkbox at the moment, our theme style overrides the checkbox. We do not save your information in the browser for the time being.

      Admin

      • Mrteesurez says

        Ok, I understand but you can try to implement it for easy participation in the community.

        It can be autofilled or save it in browser but give disclaimer or include it in your privacy policy.

  4. Jiří Vaněk says

    I hadn’t paid much attention to this topic before, but practice eventually showed me that it’s indeed much better to have everything in order on the website, especially when it comes to laws. Living in an EU country, GDPR is now a top priority for me. Guides like these are great because there’s always something one might overlook.

  5. Moinuddin Waheed says

    Thankfully I am not from any of the European country which means GDPR rule will not apply to my website. But data protection has been a prime topic for every country not that for European countries only. we have similar data protection bill in our country as well. it is infact good to see that there is enhanced awareness in terms of data and content online.
    thanks for detailing every bit of GDPR for us

  6. Ralph says

    Good to find such a detailed guide that not only explains what to do, but also how and why it is important.

    I see GDPR as a plus for user as he can have some impact on his data, but we have to have more and more annoying popups on websites. Cookies, ads, newsletters, GDPR… In 5 or 10 years we will spend more time closing this than reading websites. I wish governments can come up with new 1 idea, that will replace all of that.

  7. Geethu says

    Thank you for the detailed explanation. It cleared some of the queries I had especially if GDPR applied to websites outside the EU and what to keep in mind while making them GDPR complaint.

  8. Ram E. says

    Thanks for listing the two cookie notice plugins (Cookie Notice and GDPR Cookie Consent)! I’ve been meaning to find and install one on my blog. This compliance stuff is one of the reasons why I haven’t opened my blog for user registrations yet, and it’s going to be more complicated if more and more countries require it. Personally, I think this is not a big deal though if an EU country or California is not one of your top 10 locations by sessions.

  9. Ahmed Omar says

    Thank you for the detailed post.
    I have concern about GDPR , what if the visitor did not accept the terms, would he still be able to browse my site or register
    Thank you

    • WPBeginner Support says

      Unless you set it up to prevent access, the users should still be able to browse your site. For registration you can have a required checkbox to prevent registrations.

      Admin

  10. Mikolaj says

    Thanks for the article! It’s good to know that WP tracks the development of the situation on an ongoing basis

  11. Chris H says

    A kind of good post. All SMEs and large business should be GDPR compliant. GDPR Awareness must be given to the staffs.

  12. Gavin says

    I am still a little confused with all this. Some say as long as you get consent and use something like a cookie/privacy popup to alert users and get consent etc its fine. But surely once someone has visited your site the cookies have already been placed in their browser so in this case should all cookies etc not be used until the users agrees? If this is the case how do we achieve this?

    • Konrad says

      Some cookies are just required to load the page.
      Users consent to the use of 3rd party and non-essential cookies.

  13. Trond says

    Hi,

    I would just like to add that the Cookie Notice for GDPR plugin states it’s “100% GDPR compliant”. See “features include” at their plugin page.

    You say that “Beware of any WordPress plugin that claims to offer 100% GDPR compliance. They likely don’t know what they’re talking about, and it’s best for you to avoid them completely.”

    So, how can Cookie Notice be recommended by you?

  14. Rick OD says

    how could a law in the European Union hold any water in the USA and how on earth could they fine you or force you to make changes to your website here in the US if no US law forces GDPA compliance?

  15. Mathukutty P. V. says

    I have Monsterinsights free version. Can not afford to buy pro now so cant install addon.

    I was using Jetpack comment, after reading this post changed to wp default. Thanks.

  16. Debbie says

    Excellent article. Could you clarify something I’d not seen mentioned anywhere else?

    According to GDPR Article 83, (this is not a quote, but my own summary) fines, penalties, or other consequences for non-compliance, would be based on your footprint as an organization, the degree to which you collect and process data from Europe, and the severity of the infraction.

    You said: “While GDPR has the potential to escalate to those high level of fines, it will start with a warning, then a reprimand, then a suspension of data processing, and if you continue to violate the law, then the large fines will hit.” And then you have an infographic with this info.

    That’s a very specific progression. Can you point to an official notification or article somewhere where this is stated? Specifically, that an infraction would start with a warning, etc. And let’s just assume we’re talking about the average or smaller site and not Facebook. :) Thanks!

Lascia una risposta

Grazie per aver scelto di lasciare un commento. Tenga presente che tutti i commenti sono moderati in base alle nostre politica dei commenti e il suo indirizzo e-mail NON sarà pubblicato. Si prega di NON utilizzare parole chiave nel campo del nome. Avremo una conversazione personale e significativa.